INTER, SCATTO DECISIVO

C’è da lavorare, c’è da migliorare.
L’Inter batte 2-1 il Salisburgo nella terza giornata del girone di Champions e fa un grande balzo in avanti verso gli ottavi.

Prestazione non brillante dei nerazzurri che ottengono comunque il bottino pieno da una partita insidiosissima, contro un avversario sulla carta abbordabile ma che ha dimostrato di potersela giocare a questi livelli contro chiunque.

Bene sicuramente il risultato, ma c’è altro di buono da considerare e da portarsi a casa.

PADRONI DEL PROPRIO DESTINO

La gara col Salisburgo lascia alcuni punti su cui lavorare. La tenuta fisica, una trequarti difensiva lasciata un po’ troppo spesso molto scoperta, uno schiacciamento all’indietro eccessivo nel finale.

Il Salisburgo è una squadra giovane, fresca e talentuosa, vogliosa di ben figurare in campo europeo e lo 0-2 all’esordio in casa del Benfica non è stato un caso.

L’Inter era reduce dalla difficile trasferta col Torino e da una sosta Nazionali che ha lasciato Inzaghi orfano per quasi due settimane della gran parte dei titolarissimi. Forze fisiche che insomma potevano scarseggiare e che hanno alla lunga inciso sulla tenuta della squadra.

Era complicata, insomma. Nonostante ciò, l’Inter anche ieri ha dato la sensazione di poter far male in qualsiasi momento e di essere padrona del proprio destino. E così è stato.
I gol di Sanchez e Calhanoglu sono arrivati in momenti di difficoltà, quando gli austriaci sembravano aver preso le misure e in procinto di dare il proprio segno alla gara.

L’Inter ha fatto gruppo e ha vinto. E questo vale molto.
Il turnover, se così vogliamo chiamarlo vista la qualità delle alternative, ha sicuramente aiutato, garantendo pericolosità e freschezza per tutti i 90 minuti.

L’INTER PASSA COL CARATTERE

L’Inter l’ha vinta non con il bel gioco ma con il carattere di chi sa di essere nel proprio habitat: la Champions League.
In questo girone a San Siro non si deve lasciare nulla e la reazione ai momenti negativi della partita è andata in questo senso.

Vittoria non convincente dal punto di vista estetico ma che evidenzia una solidità sempre maggiore di questo gruppo.

La Champions è questa: si gioca, si crea, si soffre e si subisce.
Bene così dunque e non salviamo solo il risultato.

 

 

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Inter senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con spondainter.com per scoprire tutte le news di giornata sui nerazzurri in campionato e in Europa.
Seguiteci per tutti gli altri aggiornamenti anche sui canali YouTube e Twitch SPONDA NERAZZURRA TV, sui vari social e nella nostra community Telegram.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: