Finalmente la serie A. Quanto ci era mancata?

Ecco le nostre pagelle di Inter- Napoli, terminata  1 a 0 per i nerazzurri.

In gol il bomber: Edin Dzeko.

Onana 6.5
Una sola parata importante in tutta la partita, non bella dal punto di vista estetico ma efficace per blindare il risultato.

Skriniar 7-
In un periodo in cui il mormorio sul suo rinnovo che tarda ad arrivare si fa sempre più insistente, dimostra grande personalità e grande professionalità, sfoggiando una prestazione granitica. Kvaratskhelia non è certamente un avversario comodo ma riesce a mangiare solo le briciole.

Acerbi 7
Guida l’intero reparto difensivo con grandissima fiducia, non soffre quasi mai gli attaccanti avversari e torna a casa con un Osimhen in più nel taschino.

Bastoni 6.5
Sempre preciso in chiusura, non soffre praticamente mai le avanzate di Politano ed è sempre sul pezzo.

Darmian 6.5
Fortunatamente il goal divorato non pesa sulla partita, ma incide in negativo sulla sua prestazione. Togliendo quella piccola pecca, partita impeccabile per il nostro tuttofare.

Barella 7
Per tutta la partita non si ferma un attimo, corre dappertutto ed è sempre un passo avanti agli avversari. Quantità, qualità per una prestazione da gladiatore.

Calhanoglu 7-
Alterna giocate di classe a interventi da mediano vecchia scuola. Imprescindibile per il gioco dell’Inter.

Mkhitaryan 6.5
Il pensiero nelle giocate conta molto e lui grazie alla sua reattività riesce spesso ad anticipare l’avversario dando profondità all’Inter con i suoi lanci di prima. Da il via all’azione del goal. Prezioso.

Dimarco 6.5
Non stava facendo certamente una partita indimenticabile, sbaglia un goal facile nel primo tempo e non è certamente in una delle sue serate migliori. Ma l’assist al bacio che serve a Dzeko cambia le carte in tavola.

Dzeko 7.5
Il goal che spezza l’imbattibilità del Napoli è la ciliegina sulla torta di una prestazione esemplare. Sempre a disposizione della squadra, crea, lotta e si rende fondamentale.

Lukaku 6
Gli manca la spinta dei tempi migliori e in generale fatica su ogni pallone. Ciononostante la sua presenza in campo si fa sentire. Utile in fase di appoggio, cerca di rifinire qualche pallone, seppur in difficoltà, e serve una palla goal sciupata da Dimarco. Serve tempo.

SUBENTRATI

Gosens 6+
Un paio di buone chiusure e la sensazione di aver ritrovato la spinta nelle gambe del Gosens che conoscevamo.

Lautaro 6+
Tiene il pallone, fa qualche bella giocata, e aiuta la squadra a mantenere il risultato.

Dumfries 6
Entra in campo concentrato e da tutto per aiutare la squadra, beccandosi anche un’ammonizione per bloccare una ripartenza pericolosa.

Correa 5.5
Non è un accanimento nei confronti del ragazzo ma la superficialità con cui perde il pallone che costringe Dumfries a beccarsi un giallo è inconcepibile. Deve ritrovare fiducia e il modo migliore per farlo è ripartire dalle cose semplici.

Gagliardini S.V.

Inzaghi 8
Prepara la partita contro il Napoli in maniera perfetta, accettando di lasciare il pallino del gioco alla squadra di Spalletti. Annulla la pericolosità offensiva dei partenopei imbrigliandoli nel gioco senza rinunciare a imbucate pericolose. Nei ’90 minuti se c’era una squadra che meritava di vincere quella era l’Inter. Bravo Mister.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: