Bergomi

Ecco le dichiarazioni dell’ex capitano nerazzurro, Beppe Bergomi, in vista del derby d’Italia, sulle squadre e sui due allenatori

L’intervista di Beppe Bergomi

Ecco le dichiarazioni Beppe Bergomi, intervenuto in esclusiva ai microfoni di Fcinter1908.it :

Le sconfitte contro Bayern e Psg hanno un peso differente?

Vero, ma arrivano bene entrambe alla partita di domenica. Devo dire che la Juventus l’ho vista bene, anche se il PSG ti aspetta e magari ti fa fare più bella figura. Allegri comunque è un furbo, da due anni dice che l’Inter è la più forte e mette sempre le mani avanti. Sa come preparare una gara di questo tipo. L’Inter ha ambizioni diverse in questo momento dalla Juventus, per i nerazzurri quindi la posta in palio è più alta. Sarà comunque molto delicata per entrambe“.

E’ una gara spartiacque?

Lunedì potremo sapere tante cose sul campionato. Il turno è favorevole forse per il Milan, guardando gli scontri d’alta classifica che il calendario propone. Dipenderà molto anche dal risultato del Napoli a Bergamo. Se Spalletti dovesse battere l’Atalanta, anche un pareggio dell’Inter a Torino, sebbene in una gara molto difficile, potrebbe diventare un risultato non positivo“.

L’infortunio di Lukaku influirà sulla sua permanenza in nerazzurro?

Bisogna capire come sta e come hanno curato l’infortunio. Ero contento del suo ritorno, purtroppo non lo abbiamo mai visto. Ha un motore potente e, con le conoscenze che ci sono oggi, ci sono sicuramente tutte le possibilità per rimetterlo a posto. Continuo a pensare che possa essere dominante, è una pedina che manca soprattutto in determinate partite come quelle col Bayern Monaco che ha aggredito in maniera alta e che quindi avrebbe permesso ai nerazzurri di attaccare la profondità. L’Inter ha molta qualità in attacco, ma le manca quella velocità che Lukaku le garantirebbe in certe situazioni. Anche contro la Juventus mi aspetto una partita simile“.

Brozovic tornerà, ma Calhanoglu al suo posto sta facendo molto bene

Io non cambierei. Brozovic è importantissimo, l’anno scorso e in altre circostanze quando è mancato siamo andati in difficoltà. Ora però ci sono impegni molto importanti, manca poco alla sosta e andrei con quelli che stanno bene, che danno garanzia. Gli altri saranno comunque importanti a gara in corso. Devo dire che Calhanolgu è una sorpresa piacevole, perché riesce a far meglio in fase difensiva rispetto a Brozovic. Ovviamente non ci sono solo cose positive, perché quando si alzano i ritmi, come capitato ad esempio a Firenze, ci vuole una gestione diversa e Brozovic in questo è un maestro. Per me si possono alternare anche in base alla partita“.

Sembra vicino il rinnovo di Skriniar. Giusto dargli la fascia da capitano?

Siamo sempre lì: bisogna sempre capire come sta la società. Se si può investire, va bene rinnovare. Se invece a fine anno bisognerà vendere qualcuno e far cassa, bisogna ragionare in maniera diversa. Il ragazzo non si discute da nessun punto di vista, ma tutto dipende dai conti del club“.

E sul rendimento di Acerbi?

Ero uno dei pochi a sottolineare che è un nazionale italiano e che ha grande personalità. Ha giocato in ambienti in cui gli andavano contro, non si tira di certo indietro. Poi dà alternative in più alla difesa rispetto a prima, non me ne voglia Ranocchia che è un ragazzo straordinario. Mancini non ti sceglie se non hai personalità e questo è un aspetto che serve tanto anche all’Inter“.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: