Torna a parlare Ruud Gullit e lo fa alla Gazzetta dello Sport a margine del Festival dello Sport.

Le parole di Gullit

Gullit, cosa ha provato vedendo il Milan vincere lo scudetto?

“Grande gioia. È stata una liberazione dopo un periodo difficile con i vari cambi di proprietà. Non è facile ricostruire in un momento come questo in cui sul mercato le squadre inglesi dominano. Ai miei tempi il Milan acquistava i campioni, adesso succede che debba venderli o lasciarli andare. Non ci sono le grandi star, Ibra è un fuoriclasse ma… è vecchio (risata, ndr)”.

San Siro, il ” suo” stadio, sarà probabilmente demolito.

“Era casa mia. Un grande dispiacere, però capisco le motivazioni: in Italia gli stadi sono vecchi. Solo quello della Juve è moderno. Hanno rifatto anche gli impianti di Udine e Bergamo. Ormai bisogna vendere le lounge, i pacchetti completi: una cosa inevitabile”.

Il Milan è favorito per il bis in A?

“Il mio favorito per adesso è il Napoli: gioca in modo fantastico. E una squadra organizzata, ma lascia esprimere pure la fantasia individuale. Però anche il Milan è su quel livello. La Juve è in crisi, vediamo se la risolverà in tempi brevi. L’Inter ha ampi margini di crescita. Occhio anche a Roma e Atalanta”.

Di

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: