Barella

È Nicolò Barella il giocatore della Nazionale scelto per affiancare il ct Roberto Mancini nella conferenza stampa pre Italia-Ungheria:

Le parole di Barella

Sui giovani della nazionale

“Non ci siamo solo io e Tonali. Ci sono tanti ragazzi come Locatelli, Frattesi o Esposito che rappresentano il presente e il futuro della Nazionale. Adesso che sono tra i più esperti cerco di trasmettere ciò che ci ha trasmesso il mister in questi anni”

La sua annata

“Dispiace tanto non aver vinto lo Scudetto e non esserci qualificati al Mondiale, ma sarebbe troppo facile se tutto andasse bene: la sofferenza a volte ti fortifica più delle vittorie. Da quando ho iniziato ho avuto tante delusioni e tante gioie: cerco di apprendere più che posso da ogni situazione”.

Sei tra i giocatori rimasti a Coverciano come mai?

“Non sono tra quelli a cui il mister ha dato il permesso di andare a casa. Quando indossi questa maglia tutto passa in secondo piano: anche se sei stanco vieni a giocare lo stesso”.

I tifosi sono felici dell’Italia?

“Possiamo solo ringraziarli, hanno sempre riempito gli stadi e domani cercheremo di vincere per loro”.

Che idea hanno i calciatori sulla Nations League

“Non sta a me dire se sia esagerata o se si poteva fare a meno di queste partite. Siamo in un periodo dell’anno in cui si è giocato tanto e sicuramente è un impegno, però vestire questa maglia è un onore e mai un peso. Se c’è da giocare io gioco, e così fanno i miei compagni”.

Cosa sai dell’Ungheria?

“È stato un girone in cui abbiamo dominato tutte le partite, ma ci sono stati episodi che non ci sono girati a favore. Questo non vuol dire che non ci meritavamo di andare al Mondiale. Dispiace per la sfida contro la Macedonia del Nord, probabilmente dovevamo vincere 3 o 4 a 0, ma non so dare una spiegazione. Cercheremo di fare di tutto per andare al prossimo. Per quanto riguarda l’Ungheria, l’ho seguita anche agli Europei: ha aperto un ciclo con mister Rossi, è molto compatta e con la nostra qualità cercheremo di vincere questa partita”.

Cosa ne pensi di Salvatore Esposito?

“Ha grandissima qualità. Anche sbagliare gli servirà così come è servito a me, deve fare le sue esperienze. Però sono sicuro che in futuro potrà dare tanto alla Nazionale, anche se gioca in un ruolo in cui sbagliare può compromettere tanto. Ha bisogno di crescere e con la maturità per me diventerà un giocatore molto importante per questa Nazionale”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: