Mourinho

Il grande ex Mourinho, dopo l’amara sconfitta contro la sua amata Inter, torna a parlare della sua avventura e dell’amore per i tifosi:

Le parole di Mourinho

Sulla partita

“La superiorità dell’Inter è vera e si sente, però mi è piaciuta la mia squadra. Penso che per vincere con un’Inter al top, dopo il periodo difficile, c’è bisogno della gara perfetta. E lo sarebbe stata con l’1-0 di Mancini, quando noi eravamo in controllo non difensivo ma con un’evoluzione importante di una squadra che cerca di giocare. Poi loro sono bravi, Skriniar vince tutti i duelli, Perisic e Dumfries sono velocissimi… Abbiamo perso fiducia solo nella fase finale del primo tempo, è mancata un po’ di autostima. Nella ripresa abbiamo creato, il problema è che la squadra è molto forte, ha una panchina tremenda. Preferisco perdere una partita dopo il lavoro fantastico degli ultimi mesi con una squadra forte come l’Inter”. 

Il coro dei tifosi interisti

“Il coro mi è piaciuto perché è arrivato quando i tifosi non hanno più avuto paura di noi. Non nel 1′, non nel riscaldamento, ma è partito quando hanno tirato un sospiro di sollievo perché non è stata una gara facile per l’Inter. Io sono un amico dell’Inter, per 90′ sono stato nemico. Io posso fare il fenomeno, ma oggi volevo vincere e con questa mia mentalità l’Inter ha vinto quando c’ero io. E’ bello sentire che la gente non dimentica, che sono il benvenuto anche da avversario. Voglio tornare un giorno a Roma da avversario con un’accoglienza simile a quella ricevuta stasera”.

Il suo amore per l’Inter

“Io amo l’Inter e l’Inter mi ama, ma io voglio vincere tutte le partite. Adesso che non dobbiamo giocare più contro Inter, Milan, Juve e Napoli, posso dire che mi piacerebbe che l’Inter vincesse il campionato. Amo l’Inter, ma amo Roma e amo il mio lavoro, siamo pagati per vincere”.

Di

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: