Si fanno sempre più incessanti le voci secondo le quali Romelu Lukaku voglia tornare all’Inter.
Dopo essere andato via da Milano la scorsa estate per coronare il sogno di giocare con i blues al meglio delle sue potenzialità, l’attaccante si dice insoddisfatto e vorrebbe ritornare a Milano.

La stagione con i Blues

Disastrosa, infatti, è stata questa sua stagione in Premier League: 17 partite giocate con appena 5 reti segnate e solo 2 gol in Europa su 15 partite totali. Di certo non i numeri dal Rom conosciuto dai nerazzurri.

Voci di corridoio vedrebbero inoltre il belga in aspri rapporti con Tuchel, dinamiche che si sarebbero aggravate a seguito della partita di martedì di Champions League contro il Lille: l’allenatore tedesco, oltre a non averlo schierato titolare, non ha voluto inserirlo nemmeno da subentrato, ma anzi ha preferito i giovani talenti all’ex campione d’Italia.

Tuchel ha poi giustificato questa mossa sostenendo di averlo fatto per proteggerlo soprattutto a seguito dell’ultima partita disputata: quella con il Crystal Palace. In questo match Romelu ha stabilito un, pessimo, record: solo 7 palloni toccati in 90 minuti; statistiche del genere non si riscontravano in Premier League dai primi anni 2000.

Ma ora veniamo a noi

Romelu non riesce ad inserirsi nel gioco del tecnico tedesco che, dal canto suo, non sa più come aiutarlo. Lukaku è stato colpito da infortuni, dal Covid e da una sempre più fiducia in calo che gli impedise di essere al meglio di sè. La verità? Romelu al Chelsea non è felice.
Si dice che abbia ancora l’orgoglio ferito per essersi fatto ingolosire da un ingaggio così oneroso che i nerazzurri non si sarebbero mai potuti permettere e dalle ottime prospettive che, però, non si sono realizzate.

Talmente tanto è il suo rammarico che vorrebbe tornare a Milano (forse era questo il motivo dell’intervista rilasciata a dicembre ai microfoni di Sky) e sarebbe disposto a ridursi l’ingaggio.

Nei mesi scorsi Piero Ausilio non ha nascosto il fatto che vorrebbe rivedere l’attaccante in nerazzurro.
Chiaramente questa (al momento ipotetica) operazione si baserebbe su forma di prestito e con determinate condizioni, dato l’attuale ingaggio del belga. Chissà che in estate non ci siano clamorose novità sul fronte blues/nerazzurri.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: